STZ studio

Cerca nel sito

Vai ai contenuti

Menu principale:


Caldaie a basamento a gas

Impianti termici > Caldaie

Breve descrizione delle caldaie murali

Caldaie a basamento:
Questa tipologia costruttiva di caldaie è in genere realizzata sia per piccole potenze (dell'ordine di 20-30 Kw), che per potenze assai maggiori anche dell'ordine del Mw.
Le caldaie a basamento, anche per il loro ingombro che risulta superiore a quello delle caldaie murali, sono particolarmente indicate ad essere poste in opera in apposito locale dedicato o anche misto (per caldaie fino a 34 Kw).
Per potenze superiori a 34 Kw., in base a quanto previsto dalla normativa vigente ( D.M. 12.04.1996) esse devono essere necessariamente poste in opera entro locali dedicati solo al contenimento della caldai e/ o dell'impiantistica accessoria, (centrali termiche). Questi locali devono avere caratteristiche ben precise in base alle indicazioni della predetta normativa.
Le caldaie a basamento possono essere con scambiatore in ghisa, con scambiatore in acciaio o in alluminio, a volte anche in rame, possono inoltre essere anche in questo caso del tipo a camera aperta (con prelievo dell'aria comburente dal locale di ubicazione o del tipo a camera stagna, con prelievo dell'aria dall'esterno, con tiraggio naturale o forzato con apposito ventilatore, da interno o da esterno.
Per le caldaie da esterno di potenza superiore a 34 Kw., che risultano presentarsi in genere come dei box metallici, il gruppo termico può essere una composizione di più caldaie di potenza ridotta funzionanti in parallelo e adeguatamente fatte lavorare in cascata, adattandosi in tal modo alle esigenze del carico.
Le caldaie a basamento possono essere del tipo ad aria aspirata con il classico bruciatore atmosferico, o ad aria soffiata con apposito bruciatore esterno (tipo gasolio).
La produzione di acqua calda per uso sanitario può essere incorporata nel corpo caldaia o da questi essere separata con produzione tramite boiler dedicato.
Qusta tipolgia di caldaia può essere realizzata anche del tipo a condensazione, sistema moderno che riesce a recuperare il lcalore dei fumi (di condensazione) che altrimenti verrebbe espulso in atmosfera.



Schema di principio di una caldaia a basamento con bruciatore atmosferico.
Schematicamente la caldaia a basamento con bruciatore atmosferico si presenta come nello schema a fianco, per potenze fino a 34 Kw. sono generalmente dotate in fabbrica di vaso di espansione, di valvola di sicurezza e di pompa, mentre per potenze superiori, anche per effetto della normativa vigente (D.M. 01.12.1975) questi organi accessori di sicurezza sono posti all'esterno della stessa e deveono essere adeguatamente dimensionati a cura di un progettista previa una corretta valutazione dei parametri termici in gioco.
Per caldaie di potenza superiore a 35 Kw., necessita provvedere a cura di un tecnico abilitato (termotecnico) con apposita firma, e deposito a cura dell'installatore, ad espletare apposita denuncia all'organo di controllo territoriale competente di zona (ISPESL) compilando appositi moduli con lo schema realizzatico della centrale termica.

Ingrandimento immagine

Caldaia a basamento con bruciatore ad aria aspirata
Questa tipologia di caldaia si presenta in forma compatta, generalmente di parallelepipedo, lo scambiatore è generalmente in ghisa, per potenze fino a 34 Kw. è dotato degli organi di sicurezza incorporati nel generatore e può essere dotato di pompa di circolazione impianto, mentre per potenze superiori gli stesso devono essere specificatamente calcolati ed installati.
Le potenze per questo tipo di caldaia variano generalmente da 20 a 200 Kw. e oltre. Quando la potenza necessaria risulta superiore, si possono abbinare più caldaie con funzionamento in parallelo, la regolazione in
qeusto caso è realizzata tramite apposite centraline per una modulazione del funzionamento in base al carico richiesto e per fare in modo che le caldaie possano funzionare e quindi usurarsi in egual misura.
Essenzialmente la caldaia è costituita appunto dal corpo di scambio e da un bruciatore sottostante. Tramite un adeguato controllo quest'ultimo viene comandato e fatto funzionare in base alla temperatura impostata.
Nelle caldaie di vecchia tipologia, il sistema veniva acceso da una fiammella pilota, per le nuove tipologie di caldaia l'accensione della fiamma avviene con un impuso di tipo piezoelettrico a ionizzazione di fiamma ed adeguato controllo da parte del sistema elettronico di bordo.
Nella parte superiore della caldaia è ubicato il sistema di raccolta e convogliamento dei fumi che generalmente per questo tipo di caldaia è del tipo a espulsione naturale, genealmente non vi è pertanto alcun disposiitivo di estrazione o pressuirizzazione dei fumi che per "effetto camino", dovuto alla divesra densità degli stessi, viene convolgliato in apposita acca fumaria e da questa espulso in atmosfera.


Caldaie a basamento con bruciatore a gas soffiato.
Questa tipologia di caldaia, deriva essenzialmente dalla caldaia a gasolio e prima ancora a nafta, è costituita dal corpo caldaia generalmente realizzato in acciaio o in ghisa e da un bruciatore cher soffiando aria premisceta e gas nella camera di combustione, provvede allo scambio termico con la caldaia.
Il bruciatore, dotato di adeguate sicurezza, si presenta esteticamente come uun bruciatore a gasolio, è costituito essenzialemnte da una chiocciola ventilante in cui, tarmite apposite elettrovalvole viene immesso in quantità opportuna il gas. Entro il bruciatore avviene la miscelazione con una certa quantità di aria al fine di ottenere la migliore miscelazione di aria e gas adatta alla combustione.
Un elettrodo comandato dalla centralina del briciatore, provvede all'accensione della fiamma con il metodo piezometrico a ionizzazione e tramite altri senmsori la fimma viene adeguatamente controllata.
Dato il costo del bruciatore, per potenze fino a circa 70-80 Kw., questo tipo di caldaia completa del relativo bruciatore non risulta spesso conveniente rispetto a caldaie ad aria aspirata.
Il bruciatore a gas, può essere posto in opera su caldaie funzionanenti inzialmente a gasolio provvedendo in tal modo ad una facile conversione da gasolio a gas, anche se a nostro avviso è spesso da tenere in debita considerazione l'anzianità di funzionamento della caldaia a gasolio, per non affrontare spese che, alla luce delle consideazioni sopracitate, non risultino antieconomiche e risulti invece conveniente sostituire tutto il sistema.
I fumi in questo caso vengo espulsi per effetto della soprapressione generata dal bruciatore stesso, questo tipo di caldaia è pertanto di ritenersi una caldaia con camera di combustione in pressione.

Collegamento alle principali marche italiane di caldaie murali

Le marche italiane sono tra le principali produttrici mondiali di caldaie, vengono esportate in tutto il mondo e sono senza dubbio all'avanguardia per le tecnologie applicate sia in fase di produzione del prodotto che per il funzionamento e la sicurezza

Collegamento ad alcune marche straniere di caldaie murali

Le caldaie straniere presenti sul mercato italiano, presentano soluzione innovative per tecnica applicata a questo settore industriale

Home Page | Presentazione studio | Iscr. area riservata | Risparmio energetico | Certif. energetiche | Impianti termici | Impianti ad aria | Climatizz. estiva | Energie alternative | Impianti gas | Impianti idrici | Imp. elettrica | Prevenzione incendi | Per i progettisti edili | Per gli installatori | Installatori di zona | Per i Comuni | Da scaricare | Link istituzionali | Link tematici vari | Link ai comuni litrofi | Link vari e curiosi | Dati climatici | Editoriali e news | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu