STZ studio

Cerca nel sito

Vai ai contenuti

Menu principale:


Definizione di biomasse

Energie alternative > Impianti a biomasse

Biomasse, definizione del termine

"Biomasse", si sente parlare tanto di questo tipo di energia alternativa, ma per molti vi è poca chiarezza su cosa si definisce con questo termine.
In sostanza le biomasse sono tutti quei materiali di origine biologica, quali scarti delle attività agricole o sostanze quali il legname e sostanze vegetali coltivate a tale scopo, che debitamente bruciate in modo controllato producono energia da utilizzare sia per produrre calore che per produrre energia elettrica.
Un vantaggio delle biomasse è senza dubbio quello di bruciare senza alterare le emissioni di carbonio in atmosfera, nel ciclo di combustione si libera infatti nell’ambiente una quantità di carbonio pari a quanto hanno assimilato durante la loro formazione.
Per biomasse di intende pertanto l’utilizzo principalmente di:

  • legname da ardere;
  • residui agricoli e forestali;
  • scarti dell'industria agroalimentare;
  • specie vegetali coltivate per lo scopo.

Trarre energia dalle biomasse consente di eliminare rifiuti prodotti dalle attività umane, produrre energia elettrica e ridurre la dipendenza dalle fonti di natura fossile come il petrolio.
Una fonte di energia pulita su cui l'UE ha deciso di investire al pari dell'eolico.
I biocombustibili sono un'energia pulita a tutti gli effetti.


Liberano nell'ambiente le sole quantità di carbonio che hanno assimilato le piante durante la loro formazione ed una quantità di zolfo e di ossidi di azoto nettamente inferiore a quella rilasciata dai combustibili fossili.
Le opere di riforestazione in zone semi-desertiche permettono di recuperare terreni altrimenti abbandonati da destinare alla produzione di biomasse e contemporaneamente migliorare la qualità dell'aria che respiriamo.
Le piante svolgono infatti un'importante funzione di "polmone verde" del pianeta, riducendo l'inquinamento e l'anidride carbonica contenuta nell'aria.
Le coltivazioni dedicate esclusivamente a produrre biomasse da destinare alla produzione elettrica non fanno eccezione a questa naturale caratteristica delle piante.
Il fatto che l'energia dalle biomasse si basi soprattutto sugli scarti di produzione delle attività produttive è un'ulteriore vantaggio economico e sociale in quanto il settore riutilizza e smaltisce rifiuti in modo ecologico.

Per ridurre l'impatto ambientale è inoltre necessario che le centrali siano di piccole dimensioni ed utilizzino biomasse locali, evitando in questo modo il trasporto da luoghi lontani ( filiera corta ), in tal modo risulta ridotto al minimo l’inquinamento dato dai mezzi di trasporto altrimenti necessario.

Tipologia di caldaie a biomassa

Tralasciando le grosse caldaie a biomassa magari a ciclo combinato atte sia alla produzione di calore che viene distribuito nelle abitazioni con il sistema del teleriscaldamento, sia di energia elettrica incentivata attualemnte con i "certificati verdi", passiamo ora ad analizzare le caldaie di piccola taglia installabili nelle nostre abitazioni che sono principalmente:

Questa tipologia di caldaie può essere una valida alternativa ai combustibili di origine fossile (gas metano o gpl, gasolio), presentano oltretutto un vantaggio in termini di gestione economica del ciclo produttivo del calore, con i vantaggi per l'ambiente che abbiamo sopra menzionato.

Home Page | Presentazione studio | Iscr. area riservata | Risparmio energetico | Certif. energetiche | Impianti termici | Impianti ad aria | Climatizz. estiva | Energie alternative | Impianti gas | Impianti idrici | Imp. elettrica | Prevenzione incendi | Per i progettisti edili | Per gli installatori | Installatori di zona | Per i Comuni | Da scaricare | Link istituzionali | Link tematici vari | Link ai comuni litrofi | Link vari e curiosi | Dati climatici | Editoriali e news | Mappa del sito


Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu